NASCE L’ASSOCIAZIONE GENITORI DEL PRIMO CIRCOLO GIULIANOVA

GIULIANOVA

Si è costituita ieri sera, durante una riunione che si è tenuta presso la scuola DE AMICIS a Giulianova Alta, l’Associazione Genitori del Primo Circolo. Prima di procedere ai lavori per la costituzione dell’Associazione è stata data lettura del messaggio che la dirigente scolastica dottorssa Carmen Di Odoardo ha voluto indirizzare ai genitori del Comitatto, non potendo essere presente di persona. I membri eletti facenti parte del direttivo sono: Pietro Panizzi, Catia Di Giammichele, Bruno Tringali, Galassio Fabio, Paolo Di Gaspare, Claudia Festa e Giovanni Martiradonna. L’ Associazione appena nata, non ha scopi di lucro e politici, ma è finalizzata a dare una voce univoca dei genitori che hanno il solo interesse ad avere una scuola sicura e ben gestita. Il gruppo direttivo è formato da 7 genitori a rappresentanza di tutti i gradi, mterna, elementare e media. Il primo passo della neonata Associazione è quella di chiedere un incontro subito con il Sindaco per chiarire la situazione strutturale dell’edificio e di avere chiarimenti sulle perizie contrastanti. Tutte le decisioni, saranno poi discusse e votate domocraticamente in assemblea quale organo sovrano.

==================================

LETTERA DELLA DIRIGENTE DI SALUTO AI COMPONENTI DEL COMITATO:

Ai componenti del comitato dei genitori
dell’istituto comprensivo 1 di Giulianova
Ringrazio le SS.LL. per l’atteggiamento di estrema fiducia riposta nella scuola sia nella sua specifica funzione educativa, spesso soffocata da eventi di portata non sempre scolastica, sia per la partecipazione,
l’abnegazione e la forza mostrate in tante situazioni.
La nascita del comitato rappresenta, in certo qual modo, il raggiungimento della maturità di espressione, da parte dei genitori tutti, del proprio diritto ad esprimere le proprie idee per una scuola migliore e a partecipare alla realizzazione delle stesse. Il comitato è, inoltre, passaggio cruciale per imparare e far
imparare a coltivare ed utilizzare la forma democratica.
La democrazia, come noto, è frutto non facile e in quanto tale, ha bisogno del lavoro assiduo e della pazienza certosina di tante persone; essa va coltivata nel tempo e resa più forte per poter fronteggiare le diverse co-occorrenze.
Non è secondario che il Comitato sia organo previsto dal D.Lgs. n.297/1994 che all’art.15, comma 2 afferma: “I rappresentanti dei genitori nei consigli di intersezione, di interclasse o di classe possono
esprimere un comitato dei genitori del circolo o dell’istituto.”.
Lo stesso Regolamento dell’Autonomia, DPR 275/1999, art.3, comma 3, riconosce il comitato dei genitori come associazione di fatto, pur non rientrando esso tra gli organi collegiali previsti dai decreti delegati del
1974. La sua funzione è quella di favorire il dialogo tra mondo della scuola e quello delle famiglie. Ricordo, parlando con alcuni di voi proprio dell’importanza di costituire un tale organismo, la sorpresa espressa dai
volti.
Sono certa che il comitato avrà lunga vita e soprattutto sarà in grado di fronteggiare momenti forti e momenti di inerzia che inevitabilmente caratterizzano il ciclo vitale di gruppi, associazioni e comitati.
Sicuramente sarà notevole, si auspica, il contributo per la creazione di una rete territoriale di relazioni per assicurare e monitorare il benessere delle scuole in quanto strutture e dell’utenza che se ne serve.
Un caro saluto e un augurio di buon lavoro.

La Dirigente Scolastica
Dott.ssa Carmen Di Odoardo

==================================

VERBALE DEI LAVORI:

Giulianova, 15 maggio 2018

In data 14 maggio 2018, presso i locali della scuola De Amicis, si sono riuniti circa sessanta genitori delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado del Primo Circolo di Giulianova.
Alle ore 21:15 ha preso la parola il Sig. Panizzi per introdurre i punti all’ordine del giorno: elezione direttivo e lettera al sindaco.
Prima di procedere ai lavori è stata data lettura del messaggio (in allegato) che la dirigente scolastica dott.ssa Di Odoardo ha voluto indirizzare ai genitori del comitato, non potendo essere presente di persona.
Si è poi proceduto alla compilazione dei moduli di adesione per rendere valida la votazione del direttivo.
Si sono presentati come candidati le sigg.re e i sigg. Paolo Di Gaspare, Catia Di Giammichele, Claudia Festa, Fabio Galasso, Giovanni Martiradonna, Pietro Panizzi e Bruno Tringali.
Dovendosi eleggere un direttivo di sette persone è parso opportuno richiedere all’assemblea la ratifica dell’elezione dei candidati per acclamazione senza passare dal voto segreto: all’unanimità sono stati eletti i sette coordinatori.
Ha preso poi la parola il Sig. Panizzi per smentire le voci e illazioni che circolano riguardo al comitato; non solo fra i genitori infatti, ma anche purtroppo in sedi politiche e giornalistiche si è cercato di screditare il neo-nato comitato con supposizioni di scopi politici dei partecipanti, in vista delle prossime elezioni amministrative. Per rendere evidente la futilità e malafede di tali insinuazioni, si è ribadita la natura consultiva di un’associazione prevista per legge e sostenuta dalle indicazioni del ministero dell’istruzione e dalle non meno confortanti parole del nostro dirigente scolastico. Si è chiarito inoltre il compito specificamente legato all’ambito scolastico del primo circolo, senza obiettivi di ampio respiro come quelli di un eventuale movimento o di un partito politico.
Si è inoltre fatto presente che ogni genitore, libero cittadino nel pieno delle proprie prerogative sociali e politiche, ha tutto il diritto di partecipare alla vita politica della città e che questo non può inficiare in alcun modo il lavoro del comitato; nello statuto è inoltre specificato, per ulteriore tutela e per evitare conflitti d’interesse, che chi abbia incarichi in formazioni politiche o sia insegnante o eletto nel consiglio d’istituto, non possa essere coordinatore del comitato.
La libera e incondizionata partecipazione dei singoli genitori è auspicabile e fondamentale per conoscere e dibattere in prima persona i problemi della scuola, senza dar adito a voci incontrollate; confrontandoci e approfondendo i problemi potremo affrontare con competenza e autorevolezza le sfide che ci attendono.
I coordinatori eletti si sono poi presentati singolarmente all’assemblea.
Prima della redazione della lettera al sindaco con i punti specifici di richiesta, è stata sollevata la questione dell’assenza di molti rappresentanti di classe e della non efficace diffusione dell’informazione; i coordinatori si sono presi carico dell’organizzazione di un procedimento informativo capillare per permettere al maggior numero di genitori di conoscere e essere presenti ai lavori del comitato. Auspicano altresì un maggiore coinvolgimento dei rappresentanti stessi che verranno sollecitati mediante opera di sensibilizzazione.
Si è finalmente passati alla redazione dei punti principali sui quali chiedere chiarimenti e rassicurazioni all’amministrazione comunale: tempi, modi e alternative possibili per una soluzione rapida e sicura dei problemi legati agli edifici scolastici dell’intero istituto comprensivo. La lettera verrà redatta al più presto per poter inoltrare contestualmente la richiesta di una presenza del comitato ai tavoli di lavoro previsti dalla commissione urbanistica.
Anche alla procura della repubblica e alla dirigenza scolastica saranno sottoposte richieste di chiarimento sulle procedure adottate e sui tempi di attuazione.
Dopo aver raccolto tutte le sollecitazioni dei presenti, l’assemblea si è sciolta alle ore 23:30.
==================================

LO STATUTO APPROVATO:

ATTO COSTITUTIVO
E STATUTO del COMITATO DEI GENITORI
dell’ ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 di GIULIANOVA

Secondo il Testo Unico delle disposizioni legislative in materia d’istruzione (DL 297/94, art. 15, comma 2) e le normative relative all’autonomia scolastica (DPR 275/99 art. 3, comma 3) il Comitato Genitori è una forma di libera associazione dei genitori che può esprimere pareri o formulare proposte in merito alle iniziative scolastiche di ogni tipo ed alle linee guida del Piano dell’Offerta Formativa che devono essere tenute in considerazione dal Consiglio d’Istituto e dal Collegio Docenti.

In base agli artt. 36 e segg. del CC ed alle L 383/00 e 266/91 si costituisce in data odierna 07/05/2018 un’associazione con la denominazione Comitato Genitori Istituto Comprensivo 1 Giulianova (di seguito “il Comitato”), di cui sono soci fondatori i genitori di cui all’Allegato A.

Art. 1 – COSTITUZIONE

Il Comitato dei genitori dell’Istituto Comprensivo 1 Giulianova, è costituito di diritto dai rappresentanti eletti negli organi collegiali e dai genitori degli alunni regolarmente iscritti e frequentanti le classi di ogni ordine e grado dell’Istituto che aderiscono al Comitato sottoscrivendo per accettazione il presente Statuto e aderendo con un documento d’identità e la quota associativa di euro 5,00 di contribuzione annuale per auto finanziamento.

Il trasferimento, la cancellazione dell’iscrizione all’Istituto Comprensivo, o qualsiasi altro motivo che comporti la mancanza dei requisiti farà automaticamente decadere il genitore dal ruolo di socio del Comitato Genitori.

Art. 2 – PRINCIPI ISPIRATORI

Il Comitato si ispira ai principi di pluralismo e democrazia considerando la partecipazione dei genitori una condizione essenziale per affrontare positivamente sia i problemi interni alla scuola sia quelli legati al rapporto scuola-territorio.

Non persegue fini di lucro, è un organo autonomo e indipendente da ogni organizzazione partitica o movimento politico e/o confessionale. Agisce nel rispetto dei valori sanciti dalla Costituzione Italiana ed è basato sulla solidarietà e sulla partecipazione, perseguendo finalità di carattere sociale, civile e culturale.

Tutte le cariche associative sono pertanto gratuite e gratuite sono le prestazioni degli associati.

Art. 3 – FINALITÀ

Il comitato nasce per informare, aggregare e rappresentare i genitori nei confronti degli Organismi Scolastici, promuovere lo studio e la soluzione delle problematiche scolastiche dell’Istituto collaborando con tutte le componenti, nel rispetto delle competenze e dei ruoli, formulando proposte al Dirigente Scolastico, al Collegio Docenti e al Consiglio d’Istituto.

Il Comitato potrà reperire fondi, laddove necessario, per finanziare specifiche attività proposte dai genitori del Comitato stesso nelle forme esposte.

Art. 4 – TERRITORIO DI PERTINENZA

Il Comitato espleta le sue funzioni con riferimento ai plessi scolastici: scuole dell’infanzia “Bellocchio” “Gobelli” e “Colleranesco”, scuola primaria “De Amicis” e “Colleranesco”, scuola secondaria di primo grado “Pagliaccetti”.

Il Comitato elegge la propria sede presso la scuola “De Amicis” di Giulianova.

Art. 5 – ORGANI DEL COMITATO

Sono organi del Comitato:
– l’Assemblea
– i Coordinatori
– il Presidente

Art. 6 – ASSEMBLEA

L’Assemblea plenaria è l’organo decisionale ed elettivo del Comitato.

La sede ed i locali presso i quali tenere l’Assemblea plenaria vengono concordati con il Dirigente Scolastico in base alla disponibilità dei locali stessi.

L’Assemblea, previa formalizzazione verbale delle candidature, elegge al suo interno i Coordinatori; valuta e decide l’attuabilità di eventuali progetti presentati dai genitori.

La convocazione dell’Assemblea da parte del Presidente dovrà avvenire regolarmente due volte all’anno, essere notificata con almeno 5 giorni d’anticipo e avere la massima pubblicità: informazione alle singole classi attraverso i relativi rappresentanti e affissione alle bacheche pubbliche di ogni plesso.

L’avviso di convocazione deve contenere luogo, data, ora e ordine del giorno.

Può essere convocata l’Assemblea in via straordinaria ogni volta che se ne ravvisi la necessità, sempre su iniziativa del Presidente eventualmente sollecitato da un gruppo significativo di genitori.

L’Assemblea, purché siano rispettate le norme di convocazione, è valida qualunque sia il numero dei presenti e le votazioni sui punti all’ordine del giorno saranno valide a maggioranza semplice dei presenti.

Il voto si esprime personalmente durante l’Assemblea e non sono ammesse deleghe.

L’Assemblea vota il bilancio annuale redatto dai Coordinatori.

In Assemblea si possono trattare unicamente argomenti che abbiano rilevanza generale e non sono ammessi casi personali.

Viene redatto il verbale di ogni Assemblea, sottoscritto dai Coordinatori presenti; il verbale sarà pubblico e disponibile a ogni genitore che ne faccia richiesta.

All’Assemblea possono partecipare, se invitati, membri esterni al Comitato, esperti, rappresentanti delle istituzioni scolastiche o degli enti locali, senza diritto di voto.

Art. 7 – I COORDINATORI

I Coordinatori sono l’organo esecutivo del Comitato.

I Coordinatori, in numero di sette (7), rimangono in carica un anno scolastico e vengono eletti dall’Assemblea in prima convocazione.

Possono essere eletti Coordinatori i rappresentanti scolastici e tutti i genitori partecipanti all’Assemblea; non potranno essere eletti genitori che non siano presenti all’Assemblea elettiva.

I genitori facenti parte delle istituzioni scolastiche (insegnanti, eletti nel Consiglio d’Istituto) o rappresentanti politici in carica non saranno eleggibili come Coordinatori.

I Coordinatori non potranno ricoprire cariche in altre associazioni o comitati nell’ambito della disciplina scolastica.

Nella scelta dei Coordinatori si dovrà tener conto della provenienza di plesso, in modo che ogni realtà sia rappresentata.

I Coordinatori che senza giustificato motivo non partecipino ad almeno due riunioni consecutive possono esser dichiarati decaduti dalla carica.

In caso di rinuncia o cessazione dall’incarico di un coordinatore, si procederà alla surroga con il primo dei non eletti; altrimenti l’Assemblea procederà a nuova elezione.

I compiti dei Coordinatori sono:

– eleggere al proprio interno il Presidente

– redigere l’ordine del giorno e il verbale per ogni Assemblea

– definire al loro interno le varie mansioni di gestione, eventualmente a rotazione

– seguire il lavoro di eventuali gruppi di progetto

– mantenere i contatti con l’istituzione scolastica

– redigere e presentare il bilancio annuale

I Coordinatori si riuniscono quando lo ritengano opportuno attraverso convocazione personale e informale, ma almeno ogni due mesi.

I Coordinatori prendono le proprie decisioni a maggioranza semplice dei presenti; in caso di parità, maggior valore avrà il voto del Presidente.

Ad ogni rinnovo i membri uscenti affiancheranno temporaneamente i nuovi eletti per garantire un efficace passaggio di consegne.

Art. 8 – IL PRESIDENTE

Il Presidente viene nominato di comune accordo fra i Coordinatori e rappresenta legalmente l’associazione Comitato dei genitori; dura in carica un anno scolastico.

Il Presidente convoca l’Assemblea.

Riferisce direttamente al Dirigente scolastico, al Consiglio d’Istituto e agli altri organi collegiali della scuola, ove richiesto.

Nel caso il Presidente non sia disponible, verrà individuato fra i Coordinatori un vice che ne svolgerà le funzioni.

Art. 9 – I GRUPPI DI PROGETTO

Il Comitato potrà patrocinare e proporre al Dirigente Scolastico e al Consiglio d’Istituto progetti volti all’ampliamento dell’offerta formativa degli studenti o al reperimento fondi per attività scolastiche previste dal PTOF.

Eventuali progetti che i genitori intendano sottoporre al voto dell’Assemblea dovranno essere presentati scritti e elaborati in modo sufficientemente dettagliato.

Una volta valutato e approvato dall’Assemblea, ogni progetto avrà un responsabile, che dovrà riferire ai Coordinatori dei progressi e degli obiettivi raggiunti.

Ai gruppi di progetto potranno aderire volontariamente tutti i genitori interessati che vogliano prestare il loro contributo alla realizzazione del progetto stesso.

Si potranno coinvolgere anche persone esterne al Comitato, per comprovata utilità allo svolgimento e riuscita del progetto.

Art. 10 – RISORSE ECONOMICHE

Le Risorse economiche del Comitato sono costituite da:

– libere quote di autofinanziamento dei genitori membri del Comitato

– utile derivante dall’organizzazione di manifestazioni e dallo svolgimento di attività marginali (feste, mercatini etc.)

– contributi, erogazioni, donazioni di persone fisiche e giuridiche che intendano sostenere le attività del Comitato

– sovvenzioni concesse da Enti pubblici, locali e statali

– ogni altra entrata che concorra ad incrementare le risorse per l’attuazione dei progetti promossi dal Comitato

Le Risorse economiche del Comitato vanno utilizzate per:

– copertura costi di gestione

– copertura costi, acquisto materiali, spese di pubblicità per le iniziative approvate.

– contribuzione e cofinanziamento di progetti dell’Istituto Comprensivo inseriti nel PTOF

Nessuna iniziativa può essere organizzata a spese del Comitato se non vi siano in cassa o non si preveda ragionevolmente di raccogliere attraverso l’iniziativa stessa, le sufficienti risorse economiche necessarie a sostenerne i costi.

Ogni contribuzione di persone fisiche o giuridiche, di Enti o di qualsivoglia donatore, dovrà essere rendicontata e tracciata; non si accetteranno pertanto donazioni in denaro contante.

Le contribuzioni “in natura” dovranno altresì essere quantificate e rendicontate con documenti controfirmati dalle parti.

Nessun Responsabile di progetto potrà ricevere personalmente o direttamente per il suo progetto donazioni di qualsivoglia natura, ma ogni contribuzione dovrà essere ricevuta, rendicontata e controfirmata da uno dei Coordinatori in nome e conto del Comitato dietro sua responsabilità personale.

Il Comitato dei Genitori ha facoltà di aprire un conto corrente bancario o postale per la gestione della cassa.

L’esercizio sociale decorre dall’inizio dell’anno scolastico e termina al suo rinnovo; per ogni esercizio i Coordinatori dovranno redigere un bilancio consuntivo da approvare alla prima Assemblea plenaria.

Di fronte a più alternative di spesa, la valutazione spetta all’Assemblea col criterio della maggiore utilità per la generalità degli alunni.

In ogni caso è vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione ai membri del Comitato.

Non sono previsti investimenti patrimoniali, anche a breve termine, con i fondi del Comitato.

Art. 11 – REVOCA DELLE CARICHE

Oltre ai casi di perdita delle cariche previsti da Art. 1, comma 2 e Art. 7, comma 6, si determina che:

Ogni Coordinatore (compreso il Presidente) potrà in qualsiasi momento rimettere spontaneamente la carica con documento scritto e con un preavviso di almeno un mese.

Nel caso comprovato che un Coordinatore (o il Presidente) abbia agito volontariamente in contrasto con le norme approvate dal presente Statuto o abbia comunque agito illecitamente nell’ambito delle sue funzioni, l’Assemblea voterà la sua destituzione.

Un Coordinatore (o il Presidente) può essere revocato su mozione di sfiducia scritta e allegata al verbale dell’Assemblea del Comitato, presentata da un numero di genitori pari almeno a venti (20). Tale mozione di sfiducia, sarà discussa e votata in apposita convocazione. Per l’approvazione della revoca è necessario che la mozione di sfiducia sia approvata dalla maggioranza dei tre quarti (3/4) dei partecipanti all’Assemblea.

Art. 12 – APPROVAZIONE E MODIFICA DELLO STATUTO

Il presente Statuto viene approvato nella seduta dell’Assemblea plenaria del 07/05/2018 con la maggioranza dei voti in forma palese per alzata di mano.

Il presente Statuto viene trasmesso in copia conforme, depositato e registrato presso la segreteria dell’Istituto Comprensivo 1 di Giulianova; viene trasmesso alla Direzione, al Consiglio d’Istituto e al Collegio Docenti del medesimo Istituto e affisso nelle bacheche pubbliche dei singoli plessi. Viene inoltre protocollato presso l’amministrazione comunale della città di Giulianova e registrato presso la locale Agenzia delle Entrate.

Il presente Statuto può essere integrato o modificato dal voto favorevole di non meno dei tre quarti (3/4) dei genitori presenti in Assemblea plenaria, convocata con specifico Ordine del Giorno.

Art. 13 – CESSAZIONE DEL COMITATO

La durata del Comitato è a tempo indeterminato.

Lo scioglimento e la conseguente cessazione del Comitato dei Genitori dell’Istituto Comprensivo 1 di Giulianova può essere proposta dalla maggioranza dei rappresentanti regolarmente eletti negli organi collegiali o da almeno cinquanta (50) genitori dei diversi plessi dell’Istituto stesso.

L’approvazione deve avvenire in un’Assemblea straordinaria, appositamente convocata, del Comitato dei Genitori con il voto favorevole di almeno tre quarti (3/4) dei presenti.

In caso di scioglimento i Coordinatori in esercizio sono tenuti a informare ufficialmente la direzione dell’Istituto Comprensivo 1 di Giulianova e dare la maggior pubblicità possibile al fatto con informazione a tutti i genitori delle singole classi attraverso i relativi rappresentanti e affissione alle bacheche pubbliche di ogni plesso.

In caso di scioglimento, eventuali rimanenze d’esercizio verranno devolute all’Istituto Comprensivo 1 di Giulianova per progetti del PTOF: in nessun caso fondi o beni rimanenti potranno essere distribuiti a singoli genitori.

Art. 14 – DISPOSIZIONI FINALI

Per quanto non espressamente riportato nel presente Statuto si fa riferimento al Codice Civile e alle altre norme di leggi vigenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.