GIULIANOVA – Rifondazione Comunista OSPEDALE


Come  è  facile  fare  finta  di  indignarsi  di  fronte  allo  stato  tutt’altro  che  felice  della  sanità  Abruzzese    . E’  dovuto  il  diritto-dovere  all’indignazione  da  parte  dei  cittadini  di  fronte  alla  disfunzione  nei  servizi  che  la Regione  Abruzzo  ha  l’obbligo  di  erogare. Ma che  questa  indignazione  venga  espressa  nella  assemblea  pubblica  di  giovedì  20  c.a.  dal  PD  Giuliese,  ci sembra  fuoriluogo.  Non  perché  non  ne  abbia  diritto  ma  semplicemente  perché,  dato  il  suo  ruolo,  non  se  lo può  consentire.  I  motivi  sono  molteplici. Avrebbero  potuto,  come  tutt’ora  potrebbe,  il  presidente  D’Alfonso  e  l’Assessore  alla  Sanità  Paolucci,  agire per  risolvere  veramente  i  problemi  della  Sanità  piuttosto  che  strombazzare  proclami  via  stampa  come fossero  gli  ultimi  arrivati. Ecco,  a  valle  di  tanta  indignazione  posticcia,  nonostante  i  tristi  precedenti  (vedi  Giunta  Del  Turco),  ancora oggi,  non  riesce  a  suggerire  niente  di  meglio  che  una  nuova  privatizzazione  per  risolvere  le  difficoltà  della Sanità  Abruzzese. Quindi  tutto  torna,  il  giochetto  è  scoperto,  con  questo  asso  tirato  fuori  dalla  manica  si  capisce  dove  si  vuole andare  a  parare. Con  orgoglio  ricordiamo  per  l’ennesima  volta  che,  se  in  Abruzzo  è  stato  scoperto  il  malaffare  e  denunciato  lo scandalo  Sanitopoli/Angelini,  lo  si  deve  alla  coerente  battaglia  condotta  da  RC  che,  come  ricordato  dai  PM anche  durante  la  requisitoria,  per  anni  con  interrogazioni,  esposti  alle  Procure  e  una  continua  attività di  analisi  e  informazione  ha  denunciato  il  perverso  rapporto  tra  le  cliniche  private  di  Angelini  e  la  politica,  con la  giunta  DEL  TURCO,  caduta  in  maniera  disonorevole  per  furti  di  ricchezza  pubblica,  la  Sanità  in  Abruzzo  è sprofondata  nel  baratro  della  inefficienza  e  della  privatizzazione  malandrina. Sia  comunque  chiaro  che  il  PD,  per  quanto  riguarda  lo  stato  pietoso  della  Sanità  Abruzzese,  di  colpe  ne  ha  a iosa  ma  affidarsi  alle  facili  indignazioni  del  segretario  del  PD  Giuliese  Filipponi  sarebbe  veramente  troppo. RC esorta  la  popolazione  di  Giulianova  a  non  cadere  nelle  trame  della  facile  comunicazione  ordite  da disinvolti  comunicatori  che  tutto  possono  dire  ma  non  certo  giocare  con  i  problemi  della  Sanità.            Non  è  il  caso,  perché  sono  molto  seri  i  problemi. RC Chiede  il  rispetto  dell’articolo  32  della  COSTITUZIONE  della  REPUBBLICA  ITALIANA  stabilisce  che  lo Stato  tutela  la  salute  come  fondamentale  diritto  dell’individuo e  interesse  della  collettività, gratuite  agli  indigenti. garantisce  cure RC ribadisce  con  forza  che  è  contraria  alla  chiusura  o  alla  riconversione  di  tutti  gli  attuali  presidi  esistenti  in Provincia  di  Teramo  perché  “il  contenimento  delle  spese  non  può  essere  perseguito  penalizzando  il  diritto  dei cittadini  alla  salute,  ma  eliminando  tutte  le  distorsioni  che  hanno  alimentato  sprechi  e  ruberie.  La  spesa sanitaria  va  indirizzata  sulla  base  degli  effettivi  bisogni  della  popolazione”. RC “per  insanabili  differenze  di  vedute  sui  criteri  di  scelta  della  Giunta  D’Alfonso”,  ritiene  “politicamente  ed eticamente  sbagliato  questa  è  una  scelta  che  finirà  per  avvantaggiare  solo  i  privati”. In  questo  piano  sanitario,  non  vediamo  in  nessun  modo  la  soluzione  ai  problemi  denunciati,  pensiamo  che  si abbia  molto  a  cuore  il  contenitore  ma  non  il  contenuto  non  è  della  ‘sanità  del  cemento’  che  abbiamo bisogno. Si  tratta  di  una  battaglia  che  deve  restituire  ai  cittadini  un  ruolo  pieno  e  attivo,  per  questi  motivi  vale  la  pena di  lottare  per  una  sanità  pubblica  di  tutti! RC invita  anche  gli  elettori  del  Partito  Democratico  a    unirsi  a  tutti  i  cittadini  che  si  battono  per  una mobilitazione  pacifica  e  popolare. D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.